Io non sono (più) qui

di mykoize

Ho avuto una bella infanzia, in famiglia.
Ma, da quando ho memoria, al di fuori di casa mia non hanno fatto altro che dirmi che ero diversa, che ero stupida e che, fondamentalmente, non avrei mai combinato niente di buono.
Sono cresciuta introversa, timida, pensando di non avere niente da dare e col terrore di fallire.
Mi ha salvato una voce da qualche parte nella testa che diceva che non era vero e l’incontro con alcune persone meravigliose che hanno guardato dove nemmeno io vedevo.
Non sono una persona perfetta e spesso divento aggressiva quando mi sembra che si cerchi di togliermi ció che mi spetta e per il quale ho lavorato tanto.
Ma sono cambiata.
E la prova l’ho avuta mercoledì quando ho preso il microfono ed ho parlato davanti a tutti senza che la voce mi tremasse, senza avere paura.
Molto diversa dalla me che quasi due anni fa davanti ad una classe di studenti balbettava con timore.
Non sono un’altra persona, semmai sono diventata quella persona che avevo in testa, quella che sono sempre stata da qualche parte.
Posso ancora migliorare, ma posso finalmente fiera di essere quello che sono.
C’ho messo solo vent’anni per esserlo, ma va beh.
Meglio tardi che mai.